Torna alla Home Page
  • non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi

    Antoine de Saint-Exupéry 'Il piccolo principe'

  • L'antica distinzione tra uomo e natura, tra abitante di città e abitante di campagna, tra greco e barbaro, tra cittadino e forestiero, non vale più: l'intero pianeta e' ormai diventato un villaggio, e di conseguenza il piu' piccolo dei rioni deve essere progettato come un modello funzionale del mondo intero

    Lewis Mumford, La citta' nella storia (1961)

  • 'chi governa deve avere a cuore massimamente la bellezza della Città per cagione di diletto ed allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e accrescimento della città e dei cittadini'

    Dal 'Costituto' di Siena del 1309

  • Spezzare l' atomo è stato un gioco da ragazzi, sarei stato più orgoglioso di me se avessi spezzato un pregiudizio

    Albert Einstein

  • Un uomo fa quello che e' suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa e' la base di tutta la moralita' umana

    J.F.Kennedy

  • L'urbanista è come un chirurgo, se quest'ultimo per sbaglio incide o taglia un organo che non doveva, potrà anche riparare l'errore ma l'organo rimarrà comunque lesionato. Se invece si sbaglia un edificio al limite si potrà anche demolirlo e rifarlo ex novo, ma buttare a terra una città per rifarla daccapo non so proprio se è possibile

    Luigi Piccinato, architetto

  • Che altro sono le città se non persone?

    William Shakespeare

  • Quelli che si innamoran di pratica sanza scienzia, son come 'l nocchier, ch'entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada

    Leonardo da Vinci

  • Quando un popolo non ha piu' senso vitale del suo passato si spegne. La vitalita' creatrice e' fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori anche noi, quando si ha un passato. La giovinezza dei popoli e' una ricca vecchiaia

    Cesare Pavese

  • Bisogna barcollare dritti nell'ignoto

    Frank Gehry

CARTA D'IDENTITA'

 

iperPIANO iperPIANO costituisce un “Movimento tecnico, culturale e professionale” e al tempo stesso un “Gruppo d’opinione” che ha volontà di promuovere strumenti di innovazione e di gestione del cambiamento nei vasti settori attinenti il governo del territorio e della città e in particolare in quelli della progettazione, pianificazione e programmazione territoriale e urbana.

iperPIANO è una rete di competenze interdisciplinari per la propensione ad avvicinare i diversi punti di vista, multidisciplinare per le varie e vaste competenze disponibili, transdisciplinare per la volontà di superare i confini tradizionali delle singole discipline.

iperPIANO rappresenta un’idea moderna e innovativa di concepire il “Piano” e il “Progetto” e le loro complesse interazioni. Con la forza semantica del suo prefisso “iper” – superamento di un limite stabilito - intende riferirsi ad un approccio con caratteristiche che vanno oltre la norma e le consuetudini dei Piani e dei Progetti ordinariamente elaborati e adottati.

iperPIANO da questo punto di vista, stabilisce un parallelismo letterario con il termine iper-romanzo elaborato da Italo Calvino, allorquando si delinea uno speciale status della narrazione (Il termine "iper romanzo" è stato utilizzato per la prima volta da Italo Calvino con le “Lezioni americane”: proposte per il nostro millennio, ovvero: leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità).

iperPIANO propone quindi un servizio integrato o un prodotto evoluto generato da un Piano e/o dentro un Piano/Progetto. Un prodotto che possa esprimersi con alcuni degli attributi dell’”esattezza” calviniana: quello di un disegno ben definito e ben calcolato e quello dell’evocazione d’immagini nitide, incisive e memorabili: un vero e proprio Ecosistema della Pianificazione e della Progettazione possibile.

iperPIANO può stabilire così una struttura sfaccettata che non implica consequenzialità o una gerarchia ma una rete entro la quale si possono tracciare molteplici percorsi e ricavare conclusioni plurime e ramificate.



iperPIANO si basa su sette presupposti:

iperPIANO 1. l’ineludibilità delle sfide poste dallo sviluppo sostenibile, come nuovo paradigma per affrontare organicamente le problematiche ambientali: dalla sfida dei cambiamenti climatici alla conseguente necessità di promuovere politiche territoriali nuove e capaci di dare attuazione ad un modello di sviluppo volto a coniugare qualità ambientale, sociale ed economica;

2. il ruolo assunto dal “territorio” e dalla sua capacità di organizzarsi rispetto alle tante sfide poste dai processi di globalizzazione e soprattutto rispetto alla possibilità di costruire nuovo “valore” attraverso una sua adeguata integrazione tra capitale e lavoro;

3. la piena integrazione sociale, economica e ambientale tra aree urbane e rurali, per frenare l’esodo dalle campagne e l’abbandono dei piccoli centri rurali, ultimo presidio prima dell’inevitabile ed irreversibile degrado del territorio;

4. il salto di scala nella sfida alla complessità ad ogni livello che vede sempre più in crisi le tradizionali discipline del Piano e del Progetto che richiede enormi sforzi di integrazione scientifica e metodologica soprattutto per le nuove istanze di condivisione e partecipazione alle scelte e alle opzioni strategiche;

5. l’adozione della creatività come primario fattore di sviluppo e di competitività a partire dalla valorizzazione dei saperi, dei talenti e delle capacità presenti negli specifici contesti di intervento;

6. l’esigenza di promuovere la partecipazione della comunità locale, nelle sue forme organizzate e non, attraverso processi trasparenti e condivisi, soprattutto quando vi siano aspetti o decisioni progettuali che la riguardano;

7. l’impegno civile richiesto dalle modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione (legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3), con particolare riguardo all’articolo 114. - La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato [prima della riforma: La Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni] e all’articolo 117. - … Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: ... governo del territorio ...



iperPIANO si struttura e si propone per il fatto di:

iperPIANO - essere una comunità tecnico-culturale aperta di esperti e di innovatori nei rispettivi campi disciplinari;
- riunire una vasta rete formale e informale di partners professionali;
- adottare una metodologia inter-disciplinare, multi-disciplinare e trans-disciplinare;
- utilizzare un approccio artigianale che si differenzia caso per caso a seconda delle domande e dei fabbisogni con laboriosità e adattabilità;
- prodursi nell’identificazione delle ragioni dei suoi interlocutori quando condivise e di ispirarsi ad una convinta cultura del risultato.

Il riconoscersi nelle modalità di azione di iperPIANO può altresì essere identificato da:

- possesso di know-how specifico o specialistico con particolare riguardo a problematiche “di frontiera” (per approccio sperimentale o di ricerca, per contenuto d’innovazione, per efficacia operativa, ecc.);
- carattere “militante” del lavoro professionale nel suo alto significato di impegno civile;
- autonomia intellettuale e culturale, ovvero presa di distanza dall’omologazione dei comportamenti e degli schieramenti, per esempio rispetto alle tante oligarchie che caratterizzano i tradizionali modelli di accreditamento professionale.



iperPIANO svolge attività principalmente rispetto a due modalità operative:

iperPIANO LE SOLUZIONI - indirizzi già sviluppati con successo in altre realtà e quindi replicabili secondo le specifiche condizioni di integrazione, modulazione e adattamento posto da ogni singola casistica;

LE INNOVAZIONI – indirizzi già sviluppati in alcune componenti, ma meritevoli di trovare specifiche occasioni di originale sperimentazione anche di tipo prototipale.



Sulla base delle esperienze maturate e delle competenze acquisite iperPIANO interviene nelle seguenti quattro aree:

- Pianificazione territoriale e riqualificazione urbana

- Progettazione sostenibile

- Progettazione ambientale e del paesaggio

- Supporti gestionali e organizzativi


La caratteristica che rende specifica e in molti casi “unica” la gamma di servizi e prestazioni di iperPIANO deriva dal considerare ogni attività professionale inserita in un iperPIANO, ovvero un PIANO/PROGETTO INTEGRATO E SOSTENIBILE, un percorso progettuale che evolve dal concepimento di un’idea alla sua realizzazione e gestione, ovvero:

iperPIANO

Scarica la versione PDF

La Biennale di Venezia continua su streetview

di Vito RACIOPPI  -  Mer 28 Ott 2015

(2) Commenti

Grazie all'accordo con 'Google cultural institute' sarà possibile muoversi gratuitamente da casa attraverso gli spazi e i musei della manifestazione di quest'anno.
Le immagini in Streetview permettono di visitare virtualmente le collezioni degli 80 paesi in mostra, le oltre 4 mila opere, aree espositive interne ed esterne.
L'evento non finirà il 22 novembre come da programma a Venezia ma   [...]   

 
 




iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits