Torna alla Home Page
  • ...se poi si scavasse in un terreno duro, oppure non si trovasse a qualunque profondita' vena d'acqua, allora debbonsi raccoglier le acque, o dai tetti, o da altri luoghi alti, nelle cisterne con lastrico di smalto. ..... Codeste conserve d'acqua, ove si costruiscano duplicate o triplicate, in modo che dall'una all'altra si possano tramutare colando le acque, ne renderanno assai piu' salubre l'uso; imperocche' se vi e' un luogo al fondo ove depositi il fango, rimarra' piu' limpida l'acqua, e senza odore, e conservera' il suo natural sapore

    Vitruvio, De Architettura

  • Che belle parole se si potesse scrivere con un raggio di sole. Che parole d'argento se si potesse scrivere con un filo di vento

    Gianni Rodari, Calamaio

  • Se io fossi il vento, non soffierei più su un mondo tanto malvagio e miserabile. ............. Eppure, lo ripeto e lo giuro, c'è qualcosa di glorioso e di benigno nel vento

    Herman Melville, Moby Dick o la balena (1851)

  • Quality is never an accident; it is always the result of intelligent effort

    John Ruskin

  • Se fossimo soli l'immensità sarebbe davvero uno spreco

    Isaac Asimov

  • Il gentil'huomo grande utilità e consolatione caverà dalle case di villa, dove il tempo si passa in vedere e ornare le sue possessioni, e con industria e arte dell'agricoltura accrescer le facultà, dove anco per l'esercitio, che nella villa si suol fare a piedi e a cavallo, il corpo agevolmente conserverà la sua sanità e robustezza, e dove finalmente l'animo stanco delle agitazioni della città prenderà molto ristauro e consolatione, e quietamente potrà attendere a gli studj delle lettere e alla contemplatione

    Andrea Palladio, I quattro libri dell'architettura. Venezia 1581

  • Obbedire a natura in tutto è il meglio

    Francesco Petrarca

  • La ragione è un lume; la Natura vuol essere illuminata dalla ragione, non incendiata

    Giacomo Leopardi, Zibaldone (1817-1818)

  • L'antica distinzione tra uomo e natura, tra abitante di città e abitante di campagna, tra greco e barbaro, tra cittadino e forestiero, non vale più: l'intero pianeta e' ormai diventato un villaggio, e di conseguenza il piu' piccolo dei rioni deve essere progettato come un modello funzionale del mondo intero

    Lewis Mumford, La citta' nella storia (1961)

  • CERTI che, 'Unita nella diversità', l'Europa offre ai suoi popoli le migliori possibilità di proseguire, nel rispetto dei diritti di ciascuno e nella consapevolezza delle loro responsabilità nei confronti delle generazioni future e della Terra, la grande avventura che fa di essa uno spazio privilegiato della speranza umana

    Preambolo del Trattato che adotta una Costituzione per l'Europa. ottobre 2004

REGOLAMENTO EDILIZIO ECOSOSTENIBILE

AREA:  Progettazione sostenibile


Schema grafico di relazione tra soleggiamento e volume
Schema grafico di relazione tra soleggiamento e volume

Schemi di sistemi di controllo solare
Schemi di sistemi di controllo solare

Schemi di sistemi di controllo solare
Schemi di sistemi di controllo solare

Cos'è il Regolamento edilizio ecosostenibile
Il Regolamento edilizio ecosostenibile è la versione moderna, responsabile e innovativa del vecchio regolamento edilizio comunale.

Presupposti per una elaborazione consapevole
Il 30% dei consumi energetici complessivi nel nostro Paese dipendono dal settore residenziale. è evidente che intervenire per favorire un uso efficiente dell'energia e valorizzare le fonti energetiche rinnovabili e assimilate negli edifici, nelle nuove edificazioni e nelle stesse ristrutturazioni, significa contribuire in misura consistente alla riduzione delle pressioni esercitate dall'uomo sull'ambiente. Conseguentemente i Comuni sono chiamati a dotarsi di un nuovo Regolamento Edilizio volto alla risoluzione delle problematiche derivanti dall'applicazione della Direttiva 2002/91/CE e sue successive modifiche e integrazioni (D. Lgs. 311/2006; L. 296/2006, L. 244/2007, D. Lgs. 115/2008), nonchè dall'applicazione della legislazione regionale vigente in materia - con riferimento sia al patrimonio edilizio esistente che al nuovo - le quali disposizioni non trovano riscontro nei vigenti strumenti urbanistici e regolamentari comunali.

Specificità e caratterizzazione dell'approccio
Il Regolamento edilizio ecosostenibile proposto da iperPIANO non è da intendersi come un mero adeguamento alle indicazioni legislative e regolamentari emanate dalle varie Regioni ma piuttosto come occasione di sensibilizzazione e di informazione/formazione, della cittadinanza, in generale, e degli "addetti ai lavori", in particolare, sulle tecniche e le tecnologie ad oggi disponibili per costruire in maniera sostenibile, rispondendo ad una domanda crescente di "ambiente" della Comunità locale. L'approccio "sostenibile" sottende, infatti, l'introduzione di cambiamento culturale, prima, nelle prassi e nei comportamenti, in seguito, obbligando i diversi operatori del processo edilizio ad acquisire linguaggi e strumenti che consentano di dialogare, operare, prendere decisioni in maniera realmente integrata, multidisciplinare e modulabile.

Politiche di incentivazione collegate
In risposta ai principi:
  • "indirizzare di più, reprimere di meno" (steer more, row less);
  • delegare autorità e responsabilità;
  • accompagnare l'assimilazione delle regole attraverso incentivi.

IperPIANO intende costruire un percorso di accompagnamento del Regolamento edilizio ecosostenibile, supportato da idonei strumenti di incentivazione e di premialità per tutti quei soggetti che dimostreranno di utilizzare al meglio le relative norme e i consigli. Ciò potrà avvenire sia attraverso un'eventuale revisione dei meccanismi di fiscalità locale che per mezzo di forme di convenzionamento con banche e istituti di credito finalizzati a supportare gli investimenti privati tramite idonei strumenti finanziari.
 

 




iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits